ArticoloZotac ID-41 - Mini PC per server casalingo

Capita di pensare di realizzare un serverino a casa propria per poterlo usare come meglio si vuole, ed è quello che ho fatto, in quanto, ormai non averlo iniziava ad essere limitante. La scelta per un modello calalingo non è banale, in quanto bisogna tener conto di molte cose, tra cui, il consumo. Già, perchè il server in questione dovrebbe (si spera) essere acceso 24/7.

Un modello interessante, che alla fine ho deciso di acquistare,  è Zotac ZBOX-ID41-U. La dotazione di questo mini PC, da adibire come server, è molto completa:

Chipset Intel NM10 Express chipset /w Intel Atom D525 (dual-core, 1.8 GHz)

Tipo memoria DDR3 800 SO-DIMM

Onboard LAN 10/100/1000Mbps, WiFi 802.11n/g/b

Video Next Generation NVIDIA ION (w/512MB DDR3 memory)

SATA 1 SATA 3.0Gbps

USB 2 USB 3.0 (on back panel) 4 USB 2.0

Porte video HDMI, DVI

A dispetto della scheda video nvidia, questo server ha consumi abbastanza ridotti, si va da circa 23 watt in indle a 38 watt di picco, avendo una media di 35 watt.

Questo modello viene fornito senza hard disk e senza ram, quindi bisogna acquistarli a parte. L'unica pecca è che manca un lettore cd/dvd incorporato e quindi, se proprio non si vuole farne a meno, anch'esso bisogna acquistarlo a parte.

Per la RAM mi sono orientato su 4gb kingston a 800Mhz e l'hard disk che ho scelto è stato il seagate Momentus 2.5" da 500 gb e 7200 rpm.

Dimensioni contenute e una buona potenza sono il giusto compromesso per creare un ottimo server casalingo e lo Zotac ZBOX sembra essere adatto per questo.

Ovviamente non mancherà in futuro la mia esperienza di installazione di debian su questo server e le prestazioni ottenute.

Se qualche lettore ha avuto altre esperienze con altri modelli di mini PC ed è interessato a scrivere qualcosa in merito, può farlo scrivento nell'apposito modulo contatti del website baslug.org.

In alternativa ogni commento è sempre ben accetto.

ArticoloStressLinux

Stresslinux è una distribuzione minimale che funziona su cdrom, usb, vmware o via PXE (wip). Si avvale di alcune utilities come stress, cpuburn, hddtemp, lm_sensors ecc ed è dedicata agli utenti che desiderano provare il loro hardware sotto carico elevato e monitorare la stabilità dell'ambiente e la stabilità termica.

Va precisato che per poter usare stresslinux bisogna avere una certa familiarità con la console perchè Stresslinux viene fornito senza interfaccia grafica.

Stresslinux è disponibile al seguente link.

IncontroIncontro Baslug 06.05.2011

Salve a tutti;

Nuovo incontro del Baslug Venerdì 06 Maggio 2011 alle ore 20:30. L'incontro sarà al McDonald's in viale Basento n°78 (poi decidiamo dove andare).
Ulteriori info le trovate a questo link.
Per gli amanti del GPS eccovi le coordinate:

N 40.627275
E 15.799253

Ovviamente l'incontro è aperto a tutti; chiunque volesse partecipare lo può comunicare tramite l'apposito modulo Contattaci nel website del Baslug oppure in mailing list.
Per questioni organizzative è gradita la comunicazione entro Giovedì 05 Maggio.

la vostra presenza è importante, non mancate!

ArticoloMythbuntu

Mythubuntu

Mythbuntu è un sistema operativo (OS) per media center. Si basa su Ubuntu e integra, come sua principale funzione, il software per media center MythTV; non vengono invece installati tutti i programmi inclusi in Ubuntu.

Seguendo i principi di KnoppMyth e MythDora, Mythbuntu è stato progettato per semplificare l'installazione di MythTV su un PC home theater. Dopo che Mythbuntu è stato installato il programma di installazione di MythTV permette di configurare la distribuzione come un frontend (un visualizzatore di media), backend (un media server) oppure una combinazione dei due.

Mythbuntu mira a mantenere stretti legami con Ubuntu. Il ciclo di sviluppo di Mythbuntu segue da vicino quello di Ubuntu, con rilasci semestrali.

Fonte: Wikipedia

ArticoloComandi GNU/Linux da amministratore di sistema (parte 3)

Salve a tutti, questa è la seconda parte della serie Comani Linux da amministratore di sistema.
Il comando di oggi è: FREE

Free visualizza la quantità totale di memoria disponibile e utilizzata fisica e di swap nel sistema, così come la memoria condivisa e buffer usati dal kernel.

La sintassi è la seguente:
free [-b|-k|-m] [-o] [-s delay] [-t] [-V]

-b: permette di ricevere l'output in termini di byte;
-k: come il parametro precedente, con la differenza che offre l'output in KByte;
-l: mostra dettagliatamente lo stato della memoria;
-t: aggiunge due righe all'output, nelle quali vengono visualizzati i totali di ogni colonna;
-s secondi: seguito da un valore numerico, il parametro -s permette di ricevere ad intervalli regolari informazioni sulla memoria, senza la necessità di lanciare manualmente il comando ogni qual volta si necessita di conoscere tali informazioni.

Sono graditi commenti e discussioni sull'argomento.

Pagine